© 2017 Associazione Culturale Factory Compagnia Transadriatica

  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle

CENERENTOLA

 

con Mariliana Bergamo/Chiara De Pascalis, Antonio Miccoli, Francesca Nuzzo/Federica Mancarella, Serena Rollo/Marina Tutusaus Farran, Fabio Tinella

 

costumi di Lapi Lou

scene Piero Andrea Pati

luci di Davide Arsenio

coreografie di Annamaria De Filippi

drammaturgia e regia di Tonio De Nitto

 

una produzione Factory compagnia transadriatica, Compagnia Elektra,

Tir danza

Al tempo della nostra storia Cenerentola viveva, orfana, confinata a far la serva in casa propria per la sua super matrigna che le è madre e padre allo stsso tempo e per le sorelle goffe e culone.

Al tempo della nostra storia c’era anche un principe, timido e impacciato, che non era mai uscito dal regno e per farlo accasare ai regnanti non era restato che organizzargli una festa, un ballo, anzi due, forse tre.

Al tempo della nostra storia tutto era praticamente come oggi.

 

Invidie e gelosie all’interno del nucleo familiare, ma anche un mondo, che presto può rivelarsi diverso da com’è o come dovrebbe essere, un mondo dove madri spregiudicate sono disposte a tutto pur di “arraffare” tutto quello che si può e che non si può ottenere, manipolando le figlie come marionette per raggiungere i propri fini. Un mondo di figlie ammaestrate, viziate e sorde nel comprendere e accettare l’altro, non l’altro lontano...quello che non si conosce, ma l’altro in casa propria, la sorella(stra) più piccola, senza cipolle ai piedi, leggera e morbida come una piuma.

 

E’ il fallimento del metodo matrigna, di un’educazione cinica e arrivista impartita ai propri figli che non lascia spazio ai sentimenti.

E’ la storia di un incontro, di un riscatto, di un ritrovarsi, di un capirsi anche con una lingua, quella della danza, che è fatta di parole che, per essere dette, non hanno bisogno della voce.

 

Lo spettacolo nasce dall’incontro della compagnia teatrale Factory con la compagnia di danza Elektra con la voglia di costruire assieme una nuova avventura che esplori un linguaggio nuovo per entrambe.

 

(spettacolo per tutto il pubblico a partire dai 6 anni)

 

TIR DANZA di Modena, ente produttivo che trova le sue radici nelle ricche esperienze teatrali degli anni ottanta, condivide dalla fine del 2012 con compagnia Factory e Compagnia Elektra il progetto artistico su Cenerentola, per le sue caratteristiche di qualità e innovazione e per la diffusione della danza presso le giovani generazioni.

Mario Bianchi

su Eolo - 25.05.12

come è possibile raccontare Cenerentola in scena in modo originale e per di più (quasi) senza parole? Ci ha provato con successo e tanta ironia, mescolando danza e teatro di immagine, Tonio De Nitto. Lo spettacolo nasce dall'incontro della compagnia teatrale Factory, con quella di danza Elektra di Annamaria De Filippi che, offrendo alle sorellastre e a Cenerentola due registri coreografici assolutamente diversi, uno nervoso e sguaiato in cui significativamente le scarpe hanno un ruolo predominante, l'altro tenero e armonioso, contrassegnato da un piccola invocazione, comunica ai ragazzi in modo assolutamente limpido la loro differenza. E poi se non bastasse c'è la matrigna espressionista di Fabio Tinella che manipola come marionette le proprie figlie, utilizzando un gramelot pasticciato di divertente fattura, mentre il principe, che di azzurro non ha proprio niente, assomiglia ad un povero travet impacciato e titubante. Era dunque logico che queste due solitudini si incontrassero. Come già accadeva nel Sogno, modalità e mondi vengono dunque contaminati, anche attraverso l'utilizzo di musiche che vanno dalle gemelle Kessler al Trio Lescano a Milly e al tenerissimo finale affidato a Nancy e Frank Sinatra. Insomma una Cenerentola tutta racchiusa in un armadio delle meraviglie da cui escono i personaggi, gustosa, dai toni inusuali, che ci restituisce in modo divertito e divertente un classico dell'infanzia, adattandolo ad un pubblico dell'oggi in cui possono ritrovarsi anche i genitori e perchè no i nonni.

★★★★★ 5 stelle, Irene Brown per EdinburghGuide.com del 6.08.13

"...Puramagia e potere dell'amore. Questi sono gli ingredienti principali di questasplendida rivisitazione della classica fiaba di Cenerentola di questa compagniateatrale italiana del sud e dei suoi colleghi.

Questaproduzione è rivolta ai bambini, ma ha la deliziosa capacità di affascinare esedurre gli adulti. Gli italiani hanno l'abilità di fare tutto con grande stilee questa storia è stata raccontata con brio ed eleganza per buona misura .(..) Questo è teatro squisito che avvolge il pubblico nella magia e trascende la lingua . Semplicemente meraviglioso!"

 

★★★★★ Julie Dawson in Tvbomb.co.uk  del 19.08.13

"...sarebbe difficile trovare un altro spettacolo per bambini in qualsiasi luogo che potrebbe superare questa collaborazione tra la compagnia teatrale Factory Compagnia Transadriatica e la compagnia di danza Elektra."