Search
  • Stefan Labuschagne

Vota al bando Che fare il progetto ASSESSORATO ALLE PICCOLE COSE


Il progetto

Un’impresa culturale senza centro.Il progetto incrocia l’offerta di cultura con eventi inclusivi: formazione, co-working, supporto di iniziative di imprese creative, coinvolgimento del mondo dei makers, richiesta di servizi al cittadino che le amministrazioni pubbliche spesso non sono in grado di soddisfare, abbattimento dei costi di gestione attraverso patti di collaborazione con abitanti e soggetti privati, sperimentazione di un accordo di programma con il settore pubblico per la creazione di aree a burocrazia facilitata.

L’obiettivo è gestire una rete di luoghi urbani nel quartiere Leuca (20.000 abitanti) di Lecce.

I luoghi selezionati sono una strada chiusa, un ex sottopasso ferroviario, oggi pedonale, un ex distributore di carburanti, un chiosco, un dog park, una cava rinaturalizzata, un padiglione dell’ex ospedale psichiatrico, una chiesetta sconsacrata, un parco giochi cementato e altri piccoli luoghi inattesi, invisibili o dimenticati, capaci di trasformarsi in un centro culturale diffuso.

Il progetto nasce sulla scorta della Rigenerazione Urbana di Lecce, avviata a partire dal 2009 – prima autonomamente dalle associazioni e successivamente supportata dalle amministrazioni locali – e che in due diverse tranche ha sperimentato l’utilizzo di spazi pubblici e privati in 45 micro-progetti gestiti da altrettante realtà associative.L’associazione LUA, Laboratorio Urbano Aperto, dal 2010 ha avviato con il Comune di Lecce il Programma di Rigenerazione Urbana del Quartiere Leuca.

L’idea nasce dalla consapevolezza che un’impresa culturale di quartiere possa fare tesoro della conoscenza del luogo e dei rapporti di fiducia con gli abitanti, in una prospettiva di maggiore attrattività e senso di vicinanza che le “piccole cose” hanno assunto sia per chi abita nell’area sia per un numero crescente di “esploratori” di luoghi socialmente emergenti, in cui l’offerta culturale supera i confini urbani prestabiliti.

Il progetto tiene conto anche della concreta opportunità occupazionale legata al programma, scaturito dalle esigenze dei cittadini, garantendo la continuità dell’offerta, il miglioramento tecnologico degli spazi, la fiducia degli abitanti nei progetti.

Scegliere 10 spazi nel quartiere aiuta a rispondere ad alcuni fondamentali bisogni emersi nel corso del processo di rigenerazione: luoghi di socialità e cultura, totalmente assenti nel quartiere;integrazione sociale; – rivitalizzazione del tessuto commerciale del quartiere;cura degli spazi comuni;partecipazione attiva ai processi decisionali;luoghi di formazione alle nuove professioni;servizi basati sulle economie di scambio;spazi e risorse per le start up di quartiere;creare nuovi rapporti uomo-natura e uomo-animale nelle aree urbane;servizi educativi e ricreativi per i bambini;spazi a burocrazia facilitata per il consolidamento del rapporto tra il cittadino e l’amministrazione.

Il soggetto proponente L’Associazione Laboratorio Urbano Aperto (LUA) si è costituita nel 2005 e opera nell’ambito della progettazione partecipata mediante processi che mirano al superamento del concetto di partecipazione che produce consenso acritico, adottando un approccio creativo e l’uso di differenti linguaggi artistici e comunicativi come strumento di coinvolgimento e di ricerca sul territorio, che affiancati all’indagine tecnico-scientifica, favoriscono una visione multipla della complessità dei luoghi. Con tale approccio, mira a stimolare nuove relazioni tra il territorio e i suoi abitanti ricostruendo rapporti storicamente persi e significativi per i cittadini. Incentiva scambi culturali e promuove la messa in rete di realtà che perseguano le medesime finalità, compresi enti pubblici e privati, associazioni culturali, consorzi, cooperative, ecc.Ha avviato numerosi laboratori e iniziative sul territorio, partecipato a convegni e prodotto alcune pubblicazioni.

PER VOTARE!!! CLICCATE SU https://bando.che-fare.com/p…/assessorato-alle-piccole-cose/ E SEGUITE LE ISTRUZIONI DI VOTO, GRAZIE!!

1 view

© 2017 Associazione Culturale Factory Compagnia Transadriatica

  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle